D.Lgs. 231/2001 E REATI TRIBUTARI
Necessità di ridefinire il modello di organizzazione e gestione

Il Decreto Legge 124/2019, convertito con modificazioni nella Legge 157/2019, all’articolo 39 ha modificato il vigente regime penale tributario dallo scorso 24 dicembre 2019.
In particolare questa disposizione oltre ad avere innalzato le soglie edittali e abbassato le soglie di rilevanza penale dell’imposta evasa o degli elementi attivi sottratti a imposizione per il reato di dichiarazione infedele, ha inserito alcuni delitti tributari nel catalogo dei reati presupposto della responsabilità degli enti ex D.Lgs. 231/2001, mediante l’introduzione dell’art. 25-quinquiesdecies.
Data la rilevanza e la portata delle nuove fattispecie, le attività aziendali “sensibili” in cui possono essere commessi tali reati sono numerose e pervasive avendo un impatto trasversale su tutti i principali cicli operativi. Per questa ragione è fondamentale per ciascun ente dotarsi di un assetto amministrativo e contabile, e di un sistema di controllo interno sempre più efficienti ed efficaci volti a prevenire i reati tributari.
M&IT Consulting che vanta decennali esperienze in valutazioni del sistema di controllo interno, analisi dei processi aziendali e di compliance, nonché nella stesura di Modelli di Organizzazione e Gestione e nell’assunzione di incarichi di Organismo di Vigilanza, é al Vostro fianco per realizzare uno specifico risk assessment con l’obiettivo di valutare sia i possibili rischi fiscali sia l’ampiezza e la profondità del sistema di controllo da adottare per rispondere pienamente alle disposizioni introdotte.

Le sanzioni previste dal D.Lgs. 231/2001 per l’ente sono di tipo pecuniario (vedi tabella) e di tipo interdittivo.

Se, in seguito alla commissione dei delitti sopra indicati, l’ente ha conseguito un profitto di rilevante entità, la sanzione pecuniaria è aumentata di un terzo.

È stata, altresì, prevista l’applicazione delle misure interdittive di cui all’articolo 9 del D.Lgs. 231/2001, che, sino ad oggi, non avevano trovato applicazione. In particolare, si tratta:
• del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione, salvo che per ottenere le prestazioni di un pubblico servizio;
• della esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e l’eventuale revoca di quelli già concessi;
• del divieto di pubblicizzare beni o servizi.

Modulo di contatto
Dati personali
Contatti
INFORMATIVA RICHIEDENTI INFORMAZIONI

Tipologie di dati raccolti e finalità del trattamento
I dati personali raccolti tramite questo form sono finalizzati a ricevere informazioni relativamente ai servizi di consulenza e formazione offerti da M&IT Consulting Srl.
Il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell'interessato. Il mancato conferimento dei dati richiesti comporta l'impossibilità di procedere all'invio delle informazioni richieste.

Consenso al trattamento
Il consenso al trattamento dei suddetti dati è necessario in quanto gli stessi sono raccolti fuori da accordi contrattuali pregressi. Si prega pertanto di spuntare sulla casella PRESTO IL CONSENSO.

Per tutte le altre informazioni in merito al trattamento dei dati raccolti, si rimanda alla Privacy Policy pubblicata sul presente sito.

(* dati obbligatori)

M&IT Consulting Srl
Sede di Bologna: via R. Longhi, 14/a - 40128 Bologna - tel. 051 6313773 - fax 051 4154298
Sede di Monza: via Borgazzi, 27 - 20900 Monza - tel. 039 9718531
Email: info@mitconsulting.it - PEC: mitconsulting@pec.it
Iscritta al R.I. di Bologna | C.F. 91197950370 | P.I. 02086101207 | Capitale sociale € 100.000,00 i.v.